Nei progetti: Sport positivo

Qual è il segreto del successo nello sport?

La “conquista del podio” rappresenta certamente un obiettivo ambito da ogni atleta. Tuttavia, dare peso a tale obiettivo in maniera esclusiva, senza considerare una più vasta gamma di propositi, come il miglioramento della prestazione atletica nel tempo, o il raggiungimento – e mantenimento – di una forma fisica ottimale, potrà alla lunga risultare limitante e influire negativamente sugli esiti della pratica sportiva.

Ogni atleta, amatoriale o professionista che sia, desidera ottenere l’eccellenza nella propria disciplina, attraverso il miglioramento continuo della propria prestazione, la cosiddetta peak performance.

Ma come può uno sportivo raggiungere e mantenere costante nel tempo questa “prestazione ottimale”?

Già a partire dagli anni ‘80 del Novecento, diversi studi americani, riguardanti le teorie educative, hanno dimostrato l’importanza che i processi di elaborazione delle esperienze – il cosiddetto ciclo di apprendimento – possono avere nel determinare la “mentalità vincente”.

Vedremo ora come tali processi possano rivelarsi efficaci tanto nell’ambito sportivo quanto nella vita quotidiana.

Fu David Kolb, educatore statunitense, autore di studi sull’apprendimento esperienziale e il cambiamento individuale e sociale, a concepire il processo di apprendimento attraverso uno schema di tipo circolare.

Secondo lo schema di Kolb, tutto inizia da un’esperienza concreta, la quale non deve essere però subita passivamente, ma deve essere elaborata attivamente attraverso una riflessione, dalla quale dovranno scaturire, nella mente di chi riflette, delle interpretazioni nuove e personali rispetto a ciò che è accaduto.

Queste nuove interpretazioni dovranno in seguito essere “sperimentate” attivamente sul campo, dando vita a nuove esperienze concrete.

Qualsiasi evento, dunque, non deve essere considerato come qualcosa che “investe” la nostra esistenza e su cui non abbiamo potere, ma un’occasione per produrre nuove esperienze sulla base dell’elaborazione di ciò che abbiamo sperimentato.

Nell’ambito sportivo, un tale metodo può rivelarsi fondamentale per mettere l’atleta in grado di affrontare le proprie ansie e insicurezze: pensiamo all’importanza del “racconto interiore”, ovvero di come ogni persona racconta a se stessa “come andranno le cose”. Potremmo paragonarlo a una sorta di film già scritto, del quale ognuno di noi è protagonista e del quale ognuno di noi…ha già deciso il finale!

Da cosa deve essere caratterizzato il “ciclo di apprendimento” dello sportivo vincente?

Da un pensiero virtuoso, che sia in grado di elaborare le esperienze vissute (indipendentemente dal fatto che si tratti di tratti di successi o di sconfitte) in un’ottica di miglioramento e non di depotenziamento.

Per essere efficace, il racconto interiore dovrà essere necessariamente espresso in forma positiva. Non si tratta di una banalità “new age”, ma della consapevolezza dei meccanismi che regolano il funzionamento della nostra mente.

Proviamo a fare un esempio: adesso vi chiederò di NON pensare a un elefante rosa…

Quanti di voi ci sono riusciti? Probabilmente nessuno!

Questo perché il nostro cervello non registra la parola “NON”, ma attiva immediatamente l’immagine che ci è stata indicata, poiché a livello inconscio le immagini sono più potenti delle parole.

Allo stesso modo il nostro “racconto personale” dovrà essere declinato attraverso un’immagine positiva. Non diremo quindi, ad esempio, “Questa volta io non SBAGLIERÒ”, ma piuttosto “Questa volta io ci RIUSCIRÒ!”

I principi sui quali si basa la teoria del ciclo di apprendimento ci insegnano che le sconfitte subite non dovrebbero abbatterci, ma essere utilizzate come opportunità per lavorare sul proprio auto-miglioramento. Allo stesso modo, non dovremmo “adagiarci” sulle nostre vittorie, ma sfruttarle per comprendere quali siano gli aspetti da valorizzare ulteriormente.

Nello sport, così come nella vita, l’importante non è vincere… ma migliorare!

Se ti interessa approfondire le tematiche relative a Sport o avere maggiori informazioni sui nostri servizi contattaci all’indirizzo info@stefanoalbano.it 

SPORT